CNGEI sezione di Bracciano

Dal Campo Invernale 2017

Durante il Campo Invernale 2017 svolto ad Orte la Compagnia ha vissuto un hike che Emiliano racconta così.

Il 4 gennaio 2017 la compagnia dei Giullari Erranti partì per un'avventura che li avrebbe catapultati in un mondo di rovi, ville color salmone e ferrovie abbandonate alla ricerca della misteriosa città di nome Gallese.

Fu così che dopo aver fatto una buona colazione ed aver preparato i panini per un lauto pranzo, erano pronti a partire ma come ogni avventura arrivò subito il primo ostacolo: i finestrini delle macchine che li avrebbero portati alla partenza erano congelati ed i guidatori non potevano partire! Ma niente paura, bastò qualche minuto e la fredda copertura si sciolse rendendo così possibile la partenza. Arrivarono quindi alla cittadina di Orte Scalo, dove imboccarono la via con un nobile incarico: scovare lungo la strada le loro muse attraverso la vista, l’olfatto e l’udito. Superarono la strada asfaltata e si misero alla ricerca di una fantomatica “villa color salmone” che gli indicò la via per il bosco da: quel punto non udirono più alcun suono della città. Fu così che dopo aver ammirato un magico panorama di Orte, aver scoperto un antico acquedotto romano semi-nascosto dalla vegetazione e aver percorso torride vie sovrastate dalla centrale a biogas, decisero di fermarsi per il pranzo. Dopo questo la nostra compagnia superò svariati ostacoli troppo semplici per essere narrati, però l’intoppo successivo fu senz’altro il più ostico... Il percorso continuava per una ferrovia abbandonata la quale era però traboccante di rovi! I nostri giullari non si tirarono indietro, presero due bastoni ed iniziarono a farsi strada fra le pungenti piante. Ma nonostante la loro determinazione si accorsero che sarebbe stato impossibile continuare a quel modo, decisero quindi di uscire da quell’inferno fatto di arbusti e spine arrampicandosi per una delle pareti della ferrovia. Arrivati in cima si misero ad esaminare la cartina geografica allo scopo di trovare una strada alternativa. Tracciato il nuovo percorso si rimisero in cammino, stavolta verso un profondo fosso che li avrebbe portati alla fine delle rotaie pungenti. Superarono il fosso, ma, purtroppo per loro, in cima a questo vi erano fitti rami spinosi. Anche questa volta presero dei bastoni ed iniziarono a colpire i rami per farsi strada. Dall’altro lato della vegetazione spinosa vi erano sterminati campi verdi che la compagnia attraversò agilmente. Mentre percorrevano lunghe vie tra questi si ritrovarono sulla strada asfaltata ed in men che non si dica ecco Gallese. Tutti portarono a termine il proprio nobile incarico, inconsapevoli che esso li avrebbe condotti a conoscere il vero significato dell’impegno.