CNGEI sezione di Bracciano

La nostra Carta

La Compagnia quest'anno ha trascorso la sua prima estate rover prima partecipando ad Avventurover a Serrada con moltre altre Compagnie e poi al campo a Staro nel comune di Valli del Pasubio.
Estate rover è il coronamento di un anno di attività. E' il momento e l’occasione di vivere con tutta la Compagnia, scoprendo nuovi luoghi, incontrando nuova gente, usi, tradizioni e realtà. E' il momento durante il quale si ha la voglia di fare strada, di vivere la propria avventura, di disegnarsi il proprio percorso.
E' stata un'estate dedicata alla memoria della prima guerra mondiale, per non dimenticare ciò che è accaduto e rafforzare l'idea della pace: questa guerra combattuta in montagna in condizioni inumane è costata la morte di milioni di persone ed ha portato sia cambiamenti sociali che accelerazione del processo tecnologico.
Estate faticosa ma avvincente ci ha permesso di guardarsi dentro e per rafforzarci abbiamo stilato e firmato la nostra Carta di Compagnia in cui ci diciamo come vogliamo essere e cosa vogliamo fare per esserlo, secondo i principi dello scoutismo.
L'impegno, che ognuno di noi si è assunto firmando, significa il desiderio di voler percorrere un cammino insieme ad altri sulla base di principi, valori ed obiettivi condivisi che da quel momento consapevolmente testimonieremo.

Ornella

La Carta

Benvenuti, signori e signore, al grande spettacolo della nostra Compagnia.
Il palcoscenico è la nostra vita: il riso è la nostra scintilla, l'avventura il nostro vessillo e la legge scout il nostro copione.
Vi starete chiedendo, come affrontiamo il salire sul palco ogni giorno, quando i riflettori fanno risplendere i sonagli dei nostri cappelli? Come mettiamo in scena lo spettacolo di fronte a un pubblico innanzi al quale rimaniamo incompresi?
Con l’arte, con la fantasia, con l’energia di uno slancio positivo, è possibile cambiare le cose ridendo. Il gioco è il segreto della felicità.
Come giullari e cantastorie camminiamo alla scoperta del mondo raccontando la fame di dignità, di identità, di onestà, di libertà, di giustizia ma anche la sofferenza e la forza dell'amore.
Il Giullare sa che quando si va per contagiare, ci si ritrova contagiati da chi si è incontrato e dona gratuitamente se stesso agli altri, solo per la gioia di darsi. La sua ricerca costante di quella che si vuol chiamare verità lo aiuta a condividere tutte le sue esperienze con semplicità e disinteresse, gioioso testimone del valore dell’uomo e della vita. Affronta la vita con ironia senza dar troppo peso alle cose che fa, pur assumendosi le proprie responsabilità ed anche se usa una maschera per nascondere la sua identità sa affrontare le conseguenze dei suoi comportamenti che sono irriverenti per i benpensanti ed i potenti. Danza la vita alla musica che è in lui, sicuro che i suoi fratelli comprendano il suo parlar con franchezza e consapevole della scelta che ha fatto e che fa per la ricerca e la salvaguardia delle radici.
Così lo spettacolo continua, spostandosi di paese in paese di contrada in contrada portando nuovi progetti per il futuro. Assetati di scoperte ed esperienze, aperti al confronto con gli altri ed alla ricerca di sé attraverso un continuo vagabondare vogliamo cogliere la sfida di cambiare noi stessi e il mondo che incontreremo. Come guitti curiosi ed attenti testimonieremo le nostre convinzioni; sceglieremo responsabilmente ciò che è giusto, difendendo con coerenza la vita e chi è più debole senza lasciarci intimorire dalle convenienze, dalla paura di sbagliare, dalla consapevolezza dei nostri limiti; ci impegneremo con costanza negli impegni presi e non ci arrenderemo di fronte alle difficoltà, alla fatica, al sacrificio e se sbaglieremo, sapremo riconoscere i nostri errori senza cedere alla tentazione di tornare indietro; ci impegneremo a costruire una comunità fondata sulla fratellanza per sconfiggere il pessimismo e la passività. Vogliamo essere testimoni attivi e capaci di proporre e realizzare azioni concrete che decideremo insieme.

Tutto questo offriamo e vogliamo compagni di strada con cui condividere quello che faremo.
Noi siamo i GIULLARI ERRANTI, questo è il nostro patto, questa è la nostra CARTA di COMPAGNIA

Staro (Valli del Pasubio) 6 agosto 2017

Lupo Coscienzioso (Paolo Lembo) Orso Coinvolgente (Lorenzo De Santis)
Pavone Focoso (Benjamin Colocci) Riccio Instancabile (Davide Amizzoni)
Lince Appassionata (Andrea Falciola) Ghepardo Perseverante (Emiliano Pettorino)
Leone Tenace (Ornella Boccato)